Il servizio di supporto e assistenza domiciliare A casa si può prevede un intervento territoriale di supporto educativo e assistenziale rivolto ad utenza privata che necessita di aiuto nel proprio ambiente di vita. L’assistenza domiciliare si caratterizza come intervento altamente personalizzato, studiato a misura dei bisogni della persona e della famiglia, svolto da personale specializzato nella riabilitazione psicosociale (infermieri professionali, educatori professionali, operatori socio-sanitari, colf esperte) sulla base di un progetto di intervento definito in collaborazione con l’assistito o i suoi famigliari. Ogni intervento è costantemente monitorato anche per far fronte a necessità emergenti o eventuali criticità.
L’orario di intervento degli operatori viene definito in base alle esigenze del cliente e può essere modificato in relazione alle necessità.

A chi è rivolto

  • A chi vive momenti di solitudine e isolamento causati da una malattia, da un disagio psichico, da problemi sociali
  • A chi ha bisogno di un aiuto concreto per continuare a vivere a casa propria in condizioni di maggiore autonomia possibile
  • A chi, seppur in una condizione di difficoltà, vuole essere sostenuto a mantenere le proprie risorse e capacità e a progettare il futuro
  • A chi ha bisogno di essere aiutato a riconoscere e affrontare i limiti causati dalla malattia o dal disagio psichico di cui soffre
  • A chi vuole essere sostenuto a recuperare le capacità e l’autonomia che sono andate perdute in seguito a una malattia, ad un momento di disagio, ad un periodo critico di vita
  • A chi vive quotidianamente la fatica della malattia o del disagio psichico di un proprio famigliare e vuole un aiuto nella gestione delle difficoltà concrete e relazionali
  • A chi preferisce prevenire, per sé o per un proprio famigliare, il ricorso a strutture ospedaliere o residenziali
  • A chi ha bisogno di un sostegno, per sé o per un proprio famigliare, nei momenti critici di malattia, nei momenti di ricovero o di rientro in casa propria dopo le dimissioni ospedaliere
  • A chi ha bisogno di un orientamento e di un supporto all’inserimento lavorativo, a percorsi di studio o di formazione professionale
  • A chi cerca la sicurezza di una rete di servizi e professionisti capaci di modularsi per rispondere tempestivamente ai bisogni che emergono nel corso del tempo, progettare e verificare obiettivi concordati

Aree di intervento

  • Quotidianità. L’operatore attiva percorsi di sostegno all’abitare, all’igiene, alla cura della persona e della casa, favorendo lo stabilirsi di un rapporto equilibrato con il proprio corpo, il proprio tempo e i propri spazi quotidiani di vita
  • Segretariato sociale. L’operatore si affianca nel disbrigo delle pratiche amministrative e delle incombenze burocratiche, garantendo la tutela dei diritti della persona
  • Tutela della salute. L’operatore si rende facilitatore del rapporto con la rete dei curanti, mantenendo contatti di collaborazione, accompagnando a visite specialistiche, curando la relativa documentazione e supportando l’adesione alle cure
  • Inserimento sociale e lavorativo. L’operatore ricerca ed attiva le risorse sociali e culturali presenti nel territorio e favorisce percorsi di socializzazione nel rispetto dei bisogni, desideri e inclinazioni individuali. Laddove possibile l’operatore si offre come supporto ai percorsi di inserimento lavorativo o al completamento del ciclo di studi
  • Gestione economica. L’operatore favorisce processi di autonomia nella gestione delle risorse economiche, supportando la pianificazione delle spese e del risparmio con l’obiettivo di educare a gestire le proprie risorse in rapporto alle proprie esigenze
  • Sostegno alla famiglia. L’operatore considera la famiglia una risorsa preziosa e centrale, alleata nel raggiungimento degli obiettivi riabilitativi. Con la collaborazione dei famigliari si offre come supporto alla mediazione dei conflitti e alla gestione delle ambivalenze relazionali. Struttura progetti che abbiano l’obiettivo di alleviare i carichi di tensione e di sofferenza che si creano nelle famiglie che si trovano a dover far fronte alla malattia o al disagio psichico
  • Rapporti con la comunità e il territorio. L’operatore rileva e attiva le risorse del territorio, promuove e sostiene i rapporti con la comunità, attivando eventualmente collaborazioni stipulate formalmente. Collabora con la rete territoriale di cura, sostenendo l’adesione ai progetti terapeutici e contribuendo a far emergere esigenze e bisogni inespressi che favoriscano adeguamenti dei percorsi terapeutici avviati.

[dt_divider style=”thin” /]

Per maggiori informazioni sui servizi offerti da A casa si può, o per richieste di intervento, compila il form

[Form id=”23″]

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca